Quando Conviene un Condizionatore per l’Inverno

E’ tempo di accendere i riscaldamenti. L’Italia è divisa in sei zone a seconda del clima. Dalla F, la più fredda, alla A, la più calda. A seconda della fascia di appartenenza si possono accendere i riscaldamenti secondo un calendario prestabilito per una durata massima prestabilita. Ad esempio Milano e Torino appartengono alla fascia E e possono accendere i termosifoni dal 15 ottobre al 15 aprile per 14 ore giornaliere. Roma e Firenze si trovano in fascia D, quindi ok dal primo novembre fino al 15 aprile per 12 ore al giorno. Napoli appartiene alla fascia C e quindi si possono accendere i caloriferi dal 15 novembre al 31 marzo per 10 ore. Per controllare la fascia climatica di appartenenza del proprio Comune, clicca qui.

Meglio condizionatore o termosifone per riscaldare la casa?
Ne abbiamo già parlato e oggi vogliamo tornare sull’argomento visto che il prezzo del gas si è alzato tantissimo negli ultimi 3 anni, vedi tabella accanto (fonte autorità per l’energia ed il gas).

I condizionatori possono lavorare anche per generare calore, vedi qui per le spiegazioni tecniche, e tutti i modelli funzionano anche in pompa di calore. Quindi rappresentano un alternativa valida ai termosifoni, ma quando conviene utilizzarli?

Se la casa è grande, se l’utilizzo è costante, i riscaldamenti a gas metano convengono ancora (su quelli a gas gpl, ovvero lì dove non arrivano le conduttore e bisogna ricaricare il bombole abbiamo già qualche dubbio). Ma ci sono casi in cui i condizionatori convengono. Facciamo qualche esempio.

La mattina presto ci dobbiamo alzare, fare la doccia ed andare al lavoro. Utilizziamo magari solo 1 o due stanze, compreso il bagno. Possiamo programmare il timer del condizionatore 5 minuti prima della sveglia per scaldare gli ambienti. Il condizionatore infatti è molto veloce a portare a temperature desiderata una stanza, specie se è piccola. Con i riscaldamenti ci vorrebbe più tempo, ed in questo caso, visto che la nostra permanenza in casa è rapida, va bene il condizionatore.

Per tutti gli altri casi: se dobbiamo utilizzare solo una stanza, se non siamo dotati di valvole termostatiche sui termosifoni che non si usano, il condizionatore è una valida alternativa, almeno dal punto di vista economico, specie perchè è utilizzato di sera, oppure al mattino presto, quando, grazie alle nuove tariffe biorarie, l’energia elettrica costa di meno. Ad esempio Acea Bioraria, ha un presso di 0,083 euro per kwh. Significa che 1 ora di accensione di un condizionatore da 9000 Btu (va bene fino a 20mq, vedi dimensionamento condizionatore) ci costa appena 4 centesimi l’ora (calcolando un consumo medio di 500 watt l’ora per un modello inverter).

(Visited 2.418 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.