Ricarica Gas per condizionatori Portatili

Anche i condizionatori portatili si scaricano, perdono il gas e non inviano piú aria fredda. Anche per loro c’è bisogno quindi di una ricarica. Il problema è spesso il seguente: si lascia il portatile fermo per un anno, quando inizia a fare caldo lo accendiamo ma non esce piú il freddo, ma soltanto il flusso d’aria, tipo ventilatore. Potrebbe essere un problema di ricarica, ma prima di scongiurare una situazione del genere facciamo delle prove per controllare che non sia un malfunzionamento del condizionatore.

Il primo controllo, e anche l’unico da fare se non abbiamo le giuste competenze, è quello di verificare il funzionamento del compressore. Deve partire il motore che è fondamentale per far partire il circuito di refigerazione. Nei climatizzatori portatili non è facile controllare se la ventola sia partita, perchè il motore è all’ interno del monoblocco e quindi non riusciamo bene a vederlo. Il nostro orecchio ci può aiutare perchè il compressore quando parte si fa sentire e se eravamo abituati al suo rumore ci accorgiamo della differenza.

ricarica_gas_condizionatore

Se è partito significa che il condizionatore funziona e molto probabilmente, nel corso del tempo, il gas è fuoriuscito. Di base non dovrebbe accadere, perchè il circuito è sottovuoto ed esce dalla fabbrica in condizioni ottimali per funzionare anche per decenni, vedi l’articolo sulla ricarica gas condizionatori. Questo sulla carta, nella realtà non è sempre così. I raccordi dei tubi si allentano con il calore e quindi ci possono essere microperdite di gas ed il condizionatore non è piú efficiente. Magari raffredda ancora, ma non come una volta.

Ricaricare un condizionatore portatile non è facile e bisogna rivolgersi ad un tecnico frigorista oppure alle ditte che installano condizionatori. Il gas non si trova facilmente e, se ad esempio il nostro è un vecchio portatile che usa il gas R22, è un bel problema. L’ R22 non viene piú utilizzato da anni ed è stato sostituito con l’ R410A, ma alcuni vecchi modelli ancora lo montavano. Su un condizionatore solitamente ce ne va circa mezzo chilo e il costo ad un installatore è di circa 15 euro. Noi ovviamente, una volta trovato chi ce lo fa, costerebbe molto di piú anche perchè gli installatori devono smontare la macchina e fare il “vuoto” tramite un macchinario che si chiama “pompa del vuoto” nel circuito. Insomma un lavoretto da specialisti che spesso ci fa propendere per un nuovo acquisto piuttosto che per la ricarica.

(Visited 18.798 times, 6 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.